fbpx

Valpolicella e Passo Fittanze

Un itinerario che parte dalle colline di uno dei vini rossi più amati al mondo fino a raggiungere un’oasi verde di pace, dove puoi mangiare un panino con la salsiccia in compagnia di una mucca.

Ho accorciato un po’ l’itinerario sulla cartina che partirebbe da Padova, ma il tratto di trasferimento, alquanto noioso, è tutto autostradale; proprio per questo siamo usciti a Verone Est è da lì ci siamo diretti a nord per Grezzana, poi siamo saliti ancora un po’ verso Prun, per poi scendere verso San Giorgio di Valpolicella.

Questo percorso lo abbiamo fatto a giugno, forse una delle stagioni migliori per il paesaggio: lungo la strada si intervallano distese di vigneti e ciliegi con i gustosissimi frutti rossi. Uno spettacolo sia per la natura che ci avvolge, ma anche per le strade che fiancheggiano le colline, non per nulla una delle strade è chiamata Panoramica.

Lasciamo San Giorgio di Valpolicella, dove si ammira la valle d’Adige e se è una bella giornata anche il Lago di Garda, per salire verso Provalo imboccando la SP13 e fare una quasi inversione ad U dopo Villa, per salire verso il Passo Fittanze. La strada che porta al Passo non ha tornanti, ma dolci semi-curve, non sembra nemmeno di salire fino a 1399 mtsl.

Arrivati in cima lo sguardo spiazza su una prato vastissimo, dove spesso si incontramo delle mucche che girano incuriosite tra moto ed auto. Per il rientro ci dirigiamo per Malga San Giorgio con la SP14, il primo tratto è asfaltato, mentre poi è tutto sterrato misto terra e sassi, quasi fino alla SP6.

Scendiamo fino a Velo Veronese, ma anzichè dirigerci subito verso l’autostrada, scegliamo di “tagliare” andando verso Chiampo, passando per Selva di Progno e San Bortolo delle Montagne.

Possibili alternative

Da Passo Fittanze è possibile proseguire svalicando ed andando in Trentino e fare il Passo San Boldo.

Da Velo Veronese, si può salire fino a Schio e fare le Valli del Pasubio