fbpx

Erto e Venzone:

itinerario nella Storia

Durante i nostri viaggi in moto ci piace non solo vedere nuove strade ma anche visitare quei luoghi che fanno parte della storia dell’Italia, nel bene e nel male. Era doveroso nella nostra breve permanenza nel Friuli rendere omaggio a due luoghi simbolo della forza della natura e della fragilità dell’uomo davanti agli interessi monetari:  Erto e Venzone.

Sostando per circa una settimana a San Daniele del Friuli, questo è il nostro punto di partenza, prendiamo la SP5 verso Pinzano sul Tagliamento per poi proseguire fino a Sequals sulla SR464. Ci dirigiamo verso il lago di Barcis con la SR251 che ci porta fino ad Erto. Arrivati vediamo sulla destra la città ricostruita, mentre a sinistra il vecchio borgo.

Abbiamo fatto due passi lungo le viuzze ciottolate di Erto, è istintivo andare con la mente al 1963 ma è impossibile immaginare cos’abbiamo provato gli abitanti di Erto, Casso e Longarone quella notte. Con un nodo, ancora, stretto in gola riprendiamo la moto.

Proseguiamo il nostro itinerario passando in Cadore e facendo la SS51 fino a Lozzo di Cadore, svoltiamo a destra per Vigo di Cadore nella SP619. Passando per Sella Ciampigotto ritorniamo in Friuli sulla SS465.

Sulla strada per il rientro a San Daniele del Friuli, percorriamo la SS13 dopo Tolmezzo e ci fermiamo a Venzone. Paese conosciuto in tutto il mondo per la lavanda, in Italia perchè è stata una delle città colpite dal terremoto del Friuli nel 1976.

Cosa potrai vedere/visitare lungo l’itinerario

Tempo permettendo oppure vuoi fare due passi, nel percorso che ho fatto, avrai modo di poter vedere in sequenza:

  • Erto e Casso entrambi i borghi sono visitabili anche tramite delle guide oppure fare delle escursioni;
  • Diga del Vajont tramite prenotazione si può visitare accompagnati da una guida;
  • Venzone da vedere sicuramente il Duomo.